Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Image Portlet
Banner
Sezioni
Home News Eventi 07.11.2018: proiezione del film-documentario "Nel nome di Antea. L’arte italiana al tempo della guerra"

07.11.2018: proiezione del film-documentario "Nel nome di Antea. L’arte italiana al tempo della guerra"

Dettagli dell'evento

Quando

07/11/2018
dalle 11:00 alle 13:00

Persona di riferimento

Aggiungi l'evento al calendario

Allegati

Mercoledì 7 novembre ore 11,00 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Polo didattico “Luigi Bertelli”

L’Università degli Studi di Macerata in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà ospiterà la proiezione del film-documentario Nel nome di Antea. L’arte italiana al tempo della guerra un film di Massimo Martella

Introduce Patrizia Dragoni

Sarà presente il regista. Seguirà dibattito.

Nel nome di Antea è un film di genere documentario del 2018, diretto da Massimo Martella, con Massimo Wertmüller e Letizia Ciampa, distribuito da Istituto Luce Cinecittà. Trama "Salvare un po' della bellezza del mondo". Le parole di Rose Valland riassumono da sole le motivazioni di una giovane donna in prima linea durante la Seconda Guerra Mondiale. Come lei, resistente dell'arte impiegata al museo Jeu de Paume di Parigi, Fernanda Wittgens, prima donna direttrice della Pinacoteca di Brera (dal 1940 al '44), e Palma Bucarelli, sovrintendente alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma (dal 1942 al '57), salvarono un patrimonio culturale dalle incursioni naziste, dalla voracità del collezionismo e dai bombardamenti. Una missione alla quale i funzionari delle Antichità e Belle Arti non si sottrassero. A loro è idealmente grata l'Antea del Parmigianino. Il ritratto della giovane donna conservato nelle gallerie del Museo di Capodimonte introduce all'incredibile storia del ricovero e del salvataggio delle opere d'arte italiane nel corso del Secondo conflitto Mondiale. Il regista Massimo Martella, diplomato in regia al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, ha realizzato regie televisive, alcuni cortometraggi e diversi lungometraggi. Ricordiamo Il tuffo, presentato alla Settimana della Critica della Mostra Cinematografica di Venezia nel 1994, dove ha vinto il premio Kodak e La prima volta. Il suo stile, intimista e poetico, è noto alla critica e a quanti si interessano di filmografia d’autore. Consulenza scientifica di Patrizia Dragoni, professore associato di Museologia, Storia della Critica d'Arte e del Restauro Università di Macerata, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell'Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni  culturali e del turismo, con all’attivo numerose pubblicazioni sulla cooperazione internazionale fra le due guerre e sulle operazioni di Protezione Antiaerea.

Segnalazioni sulla stampa locale: CM - PN

Ulteriori informazioni su questo evento…