Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Image Portlet
Image Portlet
Image Portlet
Sezioni
Home News Inaugurazione del Canale Youtube del Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca”

Inaugurazione del Canale Youtube del Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca”

Lunedì 21 dicembre verrà ufficialmente inaugurato il canale Youtube del Museo della Scuola
Museo della Scuola

Museo della Scuola

In questa difficile stagione dovuta all’emergenza sanitaria, il Museo della Scuola “Paolo e Ornella Ricca” ha trovato un antidoto all’isolamento da Covid-19: intervistare i nonni… a distanza!

Grazie al contributo di Giorgia Vitale, Alessia Sirimarco, Giorgia Giacomelli e Teresa Bentini – volontarie del progetto di Servizio Civile Universale “Schola Aperta” – ha preso il via il progetto di Storia orale e Storia partecipata dal titolo #Ricordidiscuola. Concepito all’interno dell’iniziativa “Il museo a casa tua”, il progetto ha permesso al Museo della Scuola di rimanere in contatto con il suo pubblico e continuare la propria missione anche durante la chiusura forzata di questi mesi.

Le volontarie hanno realizzato diverse video-interviste – rigorosamente registrate on line – agli anziani “testimoni della scuola del passato”. I nonni e le nonne sono stati raggiunti attraverso i nuovi media (videochiamate Skype o Whatsapp) e, in virtù del loro ruolo di ex-alunni e alunne e, in alcuni casi, di ex maestri e maestre, hanno condiviso ricordi e preziose testimonianze sulla scuola del passato.

A partire da oggi i #Ricordidiscuola saranno liberamente accessibili nel nuovo canale YouTube del Museo della Scuola dell’Università di Macerata. Sarà così possibile a tutti, curiosi e amanti della storia, ma soprattutto agli studenti e ai ricercatori, rivivere, dalla viva voce dei testimoni, diversi aspetti della vita scolastica quotidiana del passato che raramente sono trattati nei libri scolastici.

Accesso al canale Youtube e trailer di presentazione dell’iniziativa

Ulteriori informazioni sono accessibili sulla pagina istituzionale del Museo e sulle pagine FB e Instragram del Museo.