Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Image Portlet
Banner
Sezioni
Home News Trasformazione digitale e sviluppo del territorio: due nuovi progetti europei

Trasformazione digitale e sviluppo del territorio: due nuovi progetti europei

Alessio Cavicchi

Alessio Cavicchi

21.02.2020

Maggiori dettagli negli articoli di stampa: Cronache Maceratesi - Picchio News

Trasformazione digitale e sviluppo territoriale: sono due temi cruciali che vedono l’Università di Macerata impegnata come partner all’interno di nuovi progetti di ricerca finanziati dall’Unione Europea nel contesto del programma Erasmus +.

Dopo “The Wine Lab” e “Foodbiz”, giunti a conclusione lo scorso dicembre, a portare a casa questo importante risultato di cooperazione scientifica internazionale è ancora il gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze della formazione, beni culturali e turismo coordinato dal prof. Alessio Cavicchi.

Il primo progetto, DiTEMP (Digital Transformation and Employability: acquiring transversal competences in curricular education) riguarda la trasformazione digitale in relazione all’occupabilità e all’acquisizione di competenze trasversali, durerà due anni, è coordinato dall’Università di Padova.

Il secondo progetto, “Re – ACT” (Self-reflection tools for smart universities acting regionally) intende favorire una collaborazione tra Atenei e tra Atenei e Regione al fine di rendere più efficienti i finanziamenti alla ricerca e all’innovazione, prestando maggiore attenzione alle esigenze del territorio. Il partenariato è coordinato dalla Porto Business School del Portogallo.

08.08.2018

Si aprono nuovi scenari internazionali per le attività e gli studi svolti dall’Università di Macerata nel campo del turismo connesso ai settori vitivinicolo e agroalimentare. Il World Tourism Organisation delle Nazioni Unite ha, infatti, invitato Alessio Cavicchi, docente di economia e marketing alimentare presso il Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, come relatore alla prossima conferenza mondiale sul turismo enologico che si terrà a settembre in Moldova.

Il docente, unico rappresentante italiano, è stato chiamato per raccontare il progetto europeo, da lui stesso coordinato nell’ambito dei corsi di Beni Culturali e Turismo, “The Wine Lab”, che ha l’obiettivo di creare relazioni virtuose tra università e piccoli produttori delle aziende vitivinicole. L’Ateneo potrà confrontare la propria esperienza con quella di altre prestigiose università internazionali di Nuova Zelanda, Australia, Francia, Stati Uniti, Hong Kong.

Notizia sul sito di Ateneo

Comunicati stampa: Cronache Maceratesi - Picchio News