Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Home Ricerca Sezioni e temi di ricerca Beni culturali

Beni culturali

La sezione "Beni culturali" si avvale di molteplici competenze disciplinari (archeologia, archivistica, diritto, economia e gestione delle imprese, informatica, italianistica, museologia, restauro, storia, storia dell'arte) unite dal comune obiettivo dell'implementazione di attività di studio, ricerca e progettazione per la valorizzazione del patrimonio culturale. Oltre che con le Università italiane e straniere, con le quali sono attivi progetti di ricerca pluriennali, la sezione mantiene un dialogo costante e una attiva collaborazione con i soggetti pubblici e privati che operano nell'ambito della valorizzazione dei beni culturali.

Il basilare assunto è che, specialmente nella stagione dell'economia della conoscenza, la cultura costituisce una risorsa primaria per la qualità materiale e immateriale della vita delle persone, nonché per lo sviluppo del Paese. Per non deludere il diritto di cittadinanza alla cultura costituzionalmente garantito, per creare valore sociale e di mercato per le comunità, per i singoli, per i territori, per i prodotti "Made in Italy" attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale e per assicurare la sopravvivenza stessa del "capitale culturale", occorre conoscere il potenziale di valore implicito negli oggetti e saper gestire le organizzazioni cui spetta di esplicitarlo, in modo da soddisfare quanto meglio la più ampia domanda sociale e di mercato. Anche i documenti ministeriali relativi alla gestione degli istituti e dei servizi culturali , nonché le esigenze manifestate dalle imprese del settore, insistono a tal fine sulla necessità di un approccio multidisciplinare, che integri saperi teorico-speculativi, giuridico-istituzionali ed economico-gestionali, tali da comprendere, convenientemente, l'uso delle risorse tecnologiche applicabili alle attività di tutela e di valorizzazione.

In funzione delle attività di ricerca, e per la diffusione dei risultati, la sezione si è dotata della rivista "Il Capitale Culturale. Studies on the Value of Cultural Heritage", classificata in fascia A dall'Anvur per il settore 10-B1 "Storia dell'arte" e accreditata dall'Accademia Italiana di Economia Aziendale e dalla Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte. La rivista accoglie pienamente i principi enunciati dalla Dichiarazione di Berlino sull'accesso aperto alla letteratura scientifica del 2003, ribaditi nelle linee guida della CRUI sulle riviste open access. Pertanto, si propone attraverso il canale web e garantisce libero accesso ai proprio contenuti (http://riviste.unimc.it/index.php/cap-cult). Dal 2015 la rivista è indicizzata nel database Web Of ScienceTM.

U'importante macro-tematica è quella costituita dalle attività di studio, ricerca e terza missione collegate alla promozione e alla valorizzazione del patrimonio archeologico, architettonico e storico-artistico delle Marche, che vede attivi i seguenti filoni:

  • attività di scavo, ricerca, tutela, valorizzazione e promozione presso le Terme romane di Tifernum Mataurense, oggi Sant'Angelo in Vado (PU);
  • attività di ricerca, tutela e valorizzazione presso il santuario greco-ellenistico in località La Cuma di Monterinaldo (FM);
  • attività di ricognizione di superficie, rilievi di strutture, archeologia aerea, studio di reperti ceramici, digitalizzazione di cartografia storica, archeologia dell'architettura post-medievale e prospezioni geofisiche nell'ambito del progetto R.I.M.E.M. - Ricerche sugli Insediamenti Medievali nell'Entroterra delle Marche;
  • attività di ricerca sul complesso architettonico dell'Abbazia dei Santi Ruffino e Vitale di Amandola (FM), in collaborazione con l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, nell'ambito del progetto RU.VI.;
  • attività di studio sui reperti ceramici del Museo Archeologico di Pollenza, ai fini della riorganizzazione di parte del percorso museale;
  • collaborazioni con diversi Enti del territorio per progetti di valorizzazione dell'ambiente, dei beni culturali e del turismo delle Marche (GAL "Colli Esini", GAL "Sibilla", Sferisterio di Macerata, Distretto culturale "I Cammini lauretani");
  • attività di ricerca e approfondimento sulle modalità di tutela del patrimonio artistico marchigiano e umbro durante la Seconda Guerra Mondiale;
  • nel contesto digitale una particolare attenzone viene data alla progettazione del web culturale (Verso un modello condiviso di valutazione MAB) e alla formazione di operatori; un altro filone riguarda l'universo lessicale archivistico italiano: esigenze di normalizzazione nella transizione al digitale e nel confronto con la teminologia archivistica internazionale;
  • nel campo giuridico viene svolto uno studio sulla natura giuridica dei cosiddetti Enti pubblici associativi.

 

PRINCIPALI TEMI DI RICERCA

  • valorizzazione museale e accessibilità intellettuale nei musei
  • valorizzazione di itinerari turistico-culturali
  • prospettive di crescita economica e sociale per le imprese culturali, con particolare riferimento ai musei, agli archivi e alle biblioteche
  • rapporti fra critica d'arte e museologia nella seconda metà del Novecento
  • protezione del patrimonio culturale nelle ipotesi di conflitti armati
  • attività del "Kunstschutz", reparto della "Wehrmacht", incaricato della protezione dei beni culturali mobili e immobili sul territorio italiano durante la Seconda Guerra Mondiale
  • vita dei giovani nelle città medievali
  • indagini storico-architettoniche del patrimonio romanico e gotico nel Lazio, in Campania e in Puglia
  • immagini dell'alterità religiosa in area adriatica e mediterranea
  • mitologia antica nell'arte del Rinascimento
  • rapporto fra immagini e visioni mistiche nei contesti monastici femminili dell'Italia centrale
  • carteggi d'arte quali fonti storiche delle dinamiche culturali e artistiche transnazionali nell'Europa a cavallo fra il XVII e il XIX secolo
  • scrittura, teatro e drammaturgia
  • processi di civilizzazione nel lungo illuminismo
  • archeologia subacquea
  • archeometria
  • collezioni archeologiche fermane delle famiglie De Minicis e Vitali
  • valorizzazione del patrimonio archeologico del maceratese
  • sistemi descrittivi integrati nei beni culturali
  • assetti istituzionali del modello conservativo italiano al fine di elaborare una proposta di riforma del medesimo
  • archivi digitali e sistemi di gestione documentale, con particolare attenzione ai metadati
  • rapporti fra politiche e management culturale a livello europeo
  • metodologie di misurazione e valutazione del valore del patrimonio culturale e delle attività di valorizzazione
  • analisi dei pubblici nella prospettiva dell'audience development
  • valorizzazione integrata delle risorse locali ai fini del turismo e dello sviluppo sostenibile

 

SETTORI ERC

  • SH5: Cultures and Cultural Production: literature and philosophy, visual and performing arts, music, cultural and comparative studies
  • SH6: The Study of the Human Past: Archaeology, history and memory

 

DOCENTI DELLA SEZIONE


CAPRIOTTI Giuseppe

CERQUETTI Mara

COLTRINARI Francesca

DRAGONI Patrizia

FELICIATI Pierluigi

GIGLIOZZI Maria Teresa

MEROLA Valeria

MEYER Susanne Adina

MONTELLA Massimo

MOSCATELLI Umberto

PAVONE Sabina

PIRANI Francesco

SARACCO Mauro

SCOLARO Michela

STORTONI Emanuela

VALACCHI Federico

VITALE Carmen